Neutralità climatica (net-zero)

L’espressione “neutralità climatica” (net-zero) si riferisce al raggiungimento di un equilibrio complessivo tra le emissioni di sostanze climalteranti prodotte dall’uomo e quelle riassorbite dagli ecosistemi, attraverso meccanismi di compensazione.

Raggiungere l’obiettivo di neutralità climatica è necessario per rispettare gli impegni dell’Accordo di Parigi sul clima del 2015: contenere l’incremento delle temperature globali ben al di sotto di 2° rispetto ai livelli preindustriali e fare il possibile per limitarne l’aumento a 1,5°C.

A livello globale, un recente rapporto ha evidenziato che i Paesi che puntano a raggiungere l’obiettivo net-zero rappresentano insieme il 61% delle emissioni globali e il 52% della popolazione del mondo.

Tramite la legge sul clima, l’Unione Europea si è impegnata a ridurre del 55% le emissioni di gas serra entro il 2030 e a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

Gli operatori finanziari assumono un ruolo cardine nel raggiungere gli obiettivi di neutralità climatica, tramite la decarbonizzazione dei portafogli e l’aumento degli investimenti in aziende e progetti focalizzati su soluzioni per il clima.

Tra le iniziative internazionali, che si concentrano su azioni coordinate di investitori, ci sono:

Tra gli strumenti più utilizzati per definire metriche e obiettivi si segnalano: